Condividi su:

Pescara, 22 dicembre 2016

Nuovo Avviso Apprendistato Professionalizzante

Tabella A – Unità Formative

allegato 1-catalogo

allegato 2 – istanza inserimento nel catalogo atto unilaterale impegno

allegato 2 – scheda-2a

allegato 2 – scheda-2b

allegato 3 istanza aggiornamento catalogo

allegato 4 delega

allegato 5 – istanza finanziamento assegno apprendistato

allegato 5 – scheda 5a

allegato 6 – dichiarazione sostitutiva L.68_99

allegato 7 – dichiarazione inizio attività

allegato 8 – scheda progettazione didattica

allegato 9- registro presenze

allegato 10 – attestazione frequenza e profitto

infografica-apprendistatoprof_221216_defLa Regione Abruzzo rende disponibile l’offerta formativa pubblica per l’acquisizione delle competenze di base e trasversali in apprendistato professionalizzante, organizzandola attraverso il  sistema sperimentale del “Catalogo regionale aperto”.

L’Avviso, sostenuto da un budget di 3 milioni di euro, è rivolto ad Organismi di formazione, apprendisti assunti con contratto di apprendistato professionalizzante e datori di lavoro.

I soggetti che hanno il titolo a presentare istanza per l’inserimento nel Catalogo sono gli Organismi di formazione accreditati secondo la vigente normativa regionale, D.G.R. 31 marzo 2015, n. 247 e ss.mm.ii. per la Macrotipologia – “Formazione Continua”.

Il Catalogo si definisce aperto in quanto durante tutto il periodo di validità del presente avviso, ovvero 36 mesi dalla data della sua pubblicazione, salvo eventuale revoca, sussiste la possibilità per gli Organismi di formazione accreditati che ne abbiano interesse, di presentare istanza per l’inserimento nello stesso, secondo la procedura descritta in avviso.  Allo stesso modo, stante il carattere innovativo e sperimentale del sistema, gli Organismi che non ne abbiano più interesse, in occasione degli aggiornamenti trimestrali potranno chiedere la cancellazione dal Catalogo, fatto salvo l’obbligo di conclusione delle attività formative già avviate. L’attivazione del Catalogo è collegata alla disponibilità delle risorse economiche. Lo stesso, pertanto, rimane attivo o viene eventualmente riattivato solo in presenza di finanziamento.

Al fine di consentire l’immediato avvio del sistema a “Catalogo” le istanze per l’inserimento nello stesso devono pervenire al competente Servizio Lavoro del Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, Istruzione, Ricerca e Università entro il 25 gennaio 2017 . Per le successive istanze di ammissione, che perverranno dopo la prima pubblicazione del “Catalogo”, si osserveranno le stesse modalità e gli stessi termini stabiliti rispettivamente all’art. 5 e all’art. 7 dell’ avviso.

 

Apprendisti e datori di lavoro: i destinatari dell’offerta formativa pubblica sono gli apprendisti assunti successivamente alla pubblicazione del Catalogo dalle imprese operanti in tutti i settori produttivi pubblici e privati nella Regione Abruzzo, ai sensi degli artt. 44, comma 1 e 47, comma 4, del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81 e s. m. i. e nello specifico:

a) I soggetti di età compresa tra i 18 anni (17 anni, se in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi del D. Lgs. 17 ottobre 2005, n. 226) e i 29 anni (fino al giorno precedente il compimento del trentesimo anno), assunti ai sensi dell’art. 44, del D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 81, con contratto di apprendistato professionalizzante, della durata di almeno 6 mesi, salvo il caso dell’apprendistato professionalizzante stagionale previsto all’art. 12 del presente avviso;

b) I lavoratori senza limiti di età, beneficiari di indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione assunti con contratto di apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’art. 47, comma 4, del D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 81, ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale.

 

catalogoIl Catalogo, contiene l’indicazione dei moduli formativi, delle sedi e del calendario delle attività formative, nonché degli Organismi di formazione che ne diventano i soggetti attuatori attraverso il sistema degli “assegni di apprendistato”, sotto la loro diretta responsabilità. Il sistema consente all’apprendista, unitamente al datore di lavoro, di individuare l’offerta formativa per l’acquisizione delle competenze di base e trasversali effettuando una ricerca sul Catalogo, fermo restando che per l’erogazione della stessa possono liberamente scegliere l’Organismo di formazione tra tutti quelli presenti nel Catalogo.

 

I soggetti attuatori dell’offerta formativa erogano i moduli attraverso il sistema dell’assegno di apprendistato, che abilita il singolo apprendista a frequentare il modulo scelto fra quelli inseriti nel Catalogo. L’assegno è individuale e collegato a ciascun modulo formativo (di norma n. 40 ore). E’ liquidato dalla Regione, in nome e per conto dell’apprendista, direttamente al soggetto attuatore, a conclusione del modulo formativo, nel rispetto delle disposizioni previste nell’avviso. Le imprese possono usufruire degli assegni di apprendistato unicamente per l’apprendista/gli apprendisti assunto/i e da avviare in formazione in orario di lavoro.

L’affidamento degli assegni avviene con la modalità “a sportello”, ovvero assegnando il finanziamento fino alla concorrenza dell’importo complessivamente stanziato.

L’avviso trova applicazione unicamente nei confronti degli apprendisti assunti successivamente alla pubblicazione del Catalogo.

Per eventuali ed ulteriori notizie e chiarimenti è possibile rivolgersi esclusivamente a mezzo e-mail all’indirizzo: apprendistato@regione.abruzzo.it.

 

Gerosolimo: “cambia volto l’apprendistato professionalizzante in Abruzzo.”

GerosolimoLa Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Politiche del lavoro Andrea Gerosolimo, ha dato via libera alle nuove linee guida che cambiano radicalmente l’istituto dell’apprendistato in modo da renderlo più malleabile e soprattutto maggiormente aderente alle esigenze dei lavoratori e dei datori. “Diamo vita ad un nuovo modello di formazione – spiega l’assessore Andrea Gerosolimo – in linea con le nuove esigenze del mercato del lavoro ma soprattutto in grado di guardare con attenzione ai problemi reali dei lavoratori”.

La pubblicazione delle linee guida coincide con la pubblicazione della formazione del Catalogo, cioè la possibilità da parte degli organismi di formazione di inserire moduli formativi con l’indicazione delle date e delle sedi di svolgimento della formazione. Il Catalogo rimane aperto 36 mesi termine entro il quale gli organismi di formazione possono presentare nuove proposte.

I destinatari dell’apprendistato professionalizzante sono i giovani dai 18 ai 30 anni non compiuti e tutti gli altri lavoratori al di fuori di questi limiti di età che sono beneficiari di indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione. “L’elemento di grossa novità – aggiunge Gerosolimo – è che il sistema consente all’apprendista di individuare l’offerta formativa in grado di acquisire competenze di base e trasversali insieme con il datore di lavoro, scegliendo sul Catalogo modulo e organismo di formazione”. Successivamente, parte una seconda fase con la possibilità da parte della Regione di liquidare direttamente all’organismo di formazione il contributo in nome e per conto dell’apprendista.

“L’idea che apprendista e datore di lavoro possano condividere insieme la scelta del modulo formativo agevola il percorso che vuole creare professionalità aderenti alle esigenze delle singole aziende. In sostanza – sottolinea l’assessore alle Politiche del lavoro – con questo nuovo modello la formazione si fa solo se effettivamente utile all’azienda e al lavoratore stesso senza spreco di risorse”. E a proposito di risorse, per questo nuovo bando di formazione del Catalogo “sono stati messi a disposizione 3 milioni di euro, ma soprattutto – conclude Gerosolimo – continuando sulla riduzione della burocrazia sul modello di Garanzia Over, abbiamo previsto una tempistica stringente per l’apprendistato professionalizzante ordinario e stagionale”.