Grandi progetti Ricerca e Sviluppo imprese S3 Abruzzo

Condividi su:

Pescara, 14 novembre 2016

giovanni-lolli2Fuga dei cervelli? L’Abruzzo prova a invertire la tendenza e mette sul piatto un incentivo fino a 40mila euro per l’assunzione di un ricercatore con contratto almeno triennale. E’ la misura innovativa che spicca nel bando, pubblicato nei giorni scorsi, che si propone di finanziare progetti di ricerca e innovazione, mettendo a disposizione un plafond di 16 milioni di euro. “Per la programmazione dei fondi Fesr 2014-2020 abbiamo a disposizione circa il 30 per cento in meno di risorse rispetto al passato. Di qui la necessità di operare delle scelte e l’Abruzzo ha deciso di scommettere sulla ricerca e l’innovazione”.

Lo ha rimarcato questa mattina a Pescara il vice presidente della giunta regionale Giovanni Lolli, durante un incontro a cui ha partecipato anche l’Autorità di Gestione del Fesr Abruzzo Giovanni Savini.

“Sul nostro territorio – ha puntualizzato Lolli – abbiamo un sistema industriale forte e articolato, in cui permangono delle difficoltà, ma dove le grandi aziende hanno ripreso a correre e a crescere. In Abruzzo, però, le risorse che le imprese destinano alla ricerca sono ancora inferiori alla media di altre realtà italiane. Ed è nostro dovere sostenerle in un percorso di innovazione, che è l’unica garanzia che consentirà loro di rimanere competitive sul mercato anche nei prossimi anni”.

L’Avviso pubblico sostiene Progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale delle Imprese afferenti ai Domini individuati nella Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente RIS3 Abruzzo. Dall’8 novembre è attiva la piattaforma per il caricamento dei documenti.

ricerca2L’intervento concede aiuti per progetti di ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione di soluzioni, applicazioni, prodotti/servizi innovativi e al miglioramento di processi produttivi negli ambiti tecnologici individuati dalla Regione Abruzzo nella “Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente” (RIS3 Abruzzo), al fine di potenziare la competitività e la capacità di attrazione del sistema produttivo e scientifico regionale, accrescere la competitività e sostenere lo sviluppo di imprese esistenti, attraverso il sostegno alla realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo sperimentale, in coerenza con le priorità fissate dalla strategia “Europa 2020” ed il Programma “Horizon 2020”.

Il bando dà attuazione all’Asse I “Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione” del POR FESR Abruzzo 2014-2020.

La dotazione finanziaria del presente Avviso è pari 16 milioni di euro, ripartita su due Linee d’azione:

  1. Linea di azione 1.1.4 – Sostegno a progetti di ricerca delle imprese che prevedano l’impiego di ricercatori (dottori di ricerca e laureati magistrali con profili tecnico-scientifici) presso le imprese stesse: 12mln
  2. Linea di azione 1.1.1 – Sostegno alle attività collaborative di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi (realizzate dalle imprese in collegamento con altri soggetti dell’industria, della ricerca e dell’università, e dalle aggregazioni pubblico-private già esistenti, come i Distretti Tecnologici, i Laboratori Pubblico-Privati e i Poli di Innovazione): 4 mln

 

BENEFICIARI

Possono presentare domanda di finanziamento le piccole, medie e grandi imprese aderenti ad un raggruppamento (RTI, ATI, ATS) tra Imprese o tra Imprese e Organismi di Ricerca (Università, Centri di ricerca pubblici e privati, Parchi scientifici e tecnologici o altri organismi di ricerca), già formalmente costituito alla data di presentazione della domanda.

I soggetti beneficiari delle misure di aiuto sono le piccole, medie e grandi imprese e gli OR, che partecipano al raggruppamento. Il raggruppamento deve essere composto almeno da una piccola o media impresa (PMI) e da una grande impresa (GI), oltre all’eventuale partecipazione di Organismi di Ricerca. Non sono ammesse le domande presentate singolarmente da Imprese o da aggregazioni costituite solo da Grandi Imprese.

Gli Organismi di Ricerca non possono assumere il ruolo di soggetto mandatario del raggruppamento.  L’Accordo con il quale si costituisce il raggruppamento deve prevedere che:

  1. a) ogni partecipante non può sostenere una quota di spesa inferiore al 10% del costo complessivo del progetto presentato;
  2. b) nessun partecipante all’Accordo può sostenere da solo più del 70% del progetto presentato;

 

INIZIATIVE AMMISSIBILI

Sono ammissibili esclusivamente progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo sperimentale delle Imprese, coerenti con le traiettorie indicate per ciascun Dominio individuato nell’ambito della Strategia RIS3.

I progetti devono prevedere costi ammissibili non inferiori ai 5 Meuro e possono prevedere entrambe le tipologie di attività (ricerca industriale e sviluppo sperimentale), pur mantenendo una contabilità separata dei costi. I progetti possono, inoltre, prevedere interventi a valere sulle azioni 1.1.1. e 1.1.4. oppure solamente sull’azione 1.1.4

Ogni progetto può beneficiare di un contributo massimo pari a 0.9 Meuro per l’azione 1.1.1. (relativamente alle spese per la contrattualizzazione di ricercatori per almeno 36 mesi) e 2.7 Meuro per l’azione 1.1.4. per un complessivo di 3.6 MEuro

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Il soggetto che intende richiedere le agevolazioni previste dal presente Avviso Pubblico, sotto pena di inammissibilità, deve inviare la candidatura alla Regione Abruzzo – Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, Istruzione, Ricerca e Università – Servizio Ricerca e Innovazione Industriale, a mezzo di apposita piattaforma informatica, all’indirizzo internet: http://app.regione.abruzzo.it/avvisipubblici/ ove sono riportate le istruzioni necessarie.

E’ obbligatoria l’indicazione di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata, a mezzo del quale sono gestite tutte le comunicazioni successive. È esclusa qualsiasi altra modalità di invio, pena l’inammissibilità della domanda.

L’unità organizzativa titolare del procedimento è la Regione Abruzzo, Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, Istruzione, Ricerca e Università – Servizio Ricerca Innovazione Industriale – Via Passolanciano, 75, 65125 Pescara; Responsabile del Trattamento e Responsabile del Procedimento è il Dirigente del Servizio Ricerca Innovazione Industriale. Le informazioni sul procedimento potranno essere richieste al telefono n. 085/767 2326 – 2390 ed al seguente indirizzo di posta elettronica: dpg013@pec.regione.abruzzo.it.

 

Per approfondire leggere l’Avviso cliccando QUI

SCADENZA: 14 febbraio 2017, ore 12:00 (scadenza prorogata con determinazione dirigenziale DPG013/191 del 13/12/2016).