L'anno delle politiche attive del lavoro

24 marzo 2017, Commenti: Commenti disabilitati su L’anno delle politiche attive del lavoro
Condividi su:

2017-03-24 13:03)(REGFLASH) L’Aquila, 24 mar. – Rilancio delle politiche attive del lavoro, attenzione ai nuovi strumenti dell’assegno di ricollocazione e potenziamento delle politiche di sostegno alle piccole e medie imprese. Sono solo alcuni degli aspetti più importanti del programma comunitario Por Fesr-Fse 2014-2020 per il 2017.

I prossimi bandi e azioni in uscita sono stati illustrati nel corso del Comitato di Sorveglianza che si è tenuto all’Aquila, nella sede di Palazzo Silone della Regione Abruzzo. I responsabili di azione dei due programmi comunitari, che è il caso di ricordare hanno un’unica Autorità di gestione, hanno presentato ai rappresentati della Commissione europea che seguono l’andamento dei programma in Abruzzo un crono programma degli interventi diviso in semestri di uscita.

Emerge, come ha voluto sottolineare il direttore generale Cristina Gerardis, “l’attenzione che la Regione Abruzzo riserva alle politiche attive del Lavoro ponendole al centro della strategia di sviluppo regionale. Ci sono alcuni Avvisi che stanno ottenendo un ottimo riscontro in termini di adesione, su tutti Garanzia Over, ma un interesse molto alto lo rileviamo per strumenti nuovi che abbiamo messo in campo, come la Carta di Pescara e il Patto per lo sviluppo. Contiamo per il 2017 – ha concluso Cristina Gerardis – di rafforzare questa strategia, anche d’intesa con il governo nazionale soprattutto sul fronte dell’assegno di ricollocazione”.

E proprio su questo punto il capo dipartimento Lavoro e Sviluppo economico, Tommaso Di Rino, ha annunciato “la sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra Regione e Anpal che collocherà l’Abruzzo a laboratorio nazionale per l’assegno di ricollocazione. Saranno raggiunti migliaia di disoccupati in più rispetto ai 1400 previsti dal governo per la fase sperimentale appena partita. Un occhio in più per quei lavoratori colpiti dalla crisi”.

Per il 2017, dunque, il nuovo crono programma Fse colloca nel primo semestre avvisi particolarmente attesi, tra i quali i Dottorati innovativi e industriali, il rafforzamento delle competenze degli uffici giudiziari che permetterà percorsi formativi a oltre 170 lavoratori e la Creazione d’impresa che vuole supportare la nascita e l’avviamento di nuove imprese da parte di disoccupati, donne e under 25. Confermato inoltre il rifinanziamento di Garanzia Over con altri 2 milioni di euro che si vanno ad aggiungere ai 4,8 di partenza.

Nel secondo semestre 2017, invece, verranno pubblicati gli Avvisi relativi alle nuove misure di Garanzia Giovani e ai Voucher di Alta Formazione in favore di studenti meritevoli. Sul fronte Fesr, come detto, l’attenzione sarà le piccole e medie imprese nelle aree di crisi. E’ di questi giorni l’Avviso per i contributi in de minimis per le Pmi che fanno trasferimento tecnologico, innovazione e ricerca. Sempre nel primo semestre è prevista la pubblicazione del bando che finanzia le aree di crisi semplice e l’area di crisi complessa Val Vibrata-Picena. Nel secondo semestre spazio agli Avvisi di rafforzamento e sviluppo del sistema produttivo e della competitività. (REGFLASH) IAV 170324