Garanzia Giovani, l'Europa per 500

29 luglio 2015, Commenti: Commenti disabilitati su Garanzia Giovani, l’Europa per 500
Condividi su:

Tirocini in mobilità transnazionale. Londra, Berlino, Madrid, Helsinki, la Regione promuove esperienze di formazione in azienda da 4 a 6 mesi. Fino a 7mila euro di indennità per ogni giovane under30. Progetti formativi curati dalle imprese con il supporto dei Centri per l’impiego pubblici o delle Agenzie private per il Lavoro.

Consentire ad almeno 500 giovani abruzzesi under 30 di rafforzare le proprie competenze e il curriculum, incrementando le opportunità di ingresso o rientro nel mercato del lavoro, mediante il confronto con ambienti e prassi di lavoro internazionali. Questo il principale obiettivo della misura “Tirocini extracurriculari in ambito transnazionale” attivata dalla Regione Abruzzo all’interno del Piano esecutivo regionale di Garanzia Giovani.

La Regione finanzia tirocini formativi, di durata variabile dai 4 ai 6 mesi, da svolgersi presso imprese localizzate in un Paese Europeo. L’obiettivo è aiutare il giovane Neet iscritto a Garanzia Giovani – un under30 che oggi non studia, non lavora, non è in formazione – coinvolgendolo in un’esperienza di spaesamento culturale con forte valenza orientativa e formativa. Vogliamo consentire esperienze formative di elevato profilo e nel concreto dei contesti lavorativi; e, nel contempo, incoraggiare gli scambi culturali ed umani, l’apprendimento e la comprensione della cultura ospitante, e consentire occasioni di confronto tra cittadini abruzzesi e realtà produttive dei Paesi esteri. La misura si inserisce nel filo conduttore dell’iniziativa Abruzzo Erasmus Job, contenuta nel collegato che la Giunta Regionale ha presentato al Consiglio regionale.

Budget complessivo. € 4.200.000,00

Chi può partecipare. I tirocinanti sono individuati tra i giovani iscritti al Programma Garanzia Giovani.

A chi rivolgersi. I giovani vengono avviati a tirocinio dai 15 Centri per l’Impiego pubblici o dalle 27 Agenzie private per il Lavoro che la Regione ha già selezionato e accreditato costruendo, in tal modo, la prima Rete regionale di Servizi per il Lavoro integrati pubblico-privato e anticipando uno degli obiettivi della programmazione FSE 2014-2020.

Ad ogni Giovane un sostegno finanziario. La Regione Abruzzo riconosce al tirocinante un’indennità economica – parametrata sulla base del Paese di destinazione e della durata del tirocinio – ma comunque variabile da circa 2.600,00 a oltre 7mila euro. L’indennità è ispirata al Programma Erasmus.

Dove può essere svolto il tirocinio. Presso soggetti privati localizzati in area UE, e in Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera e Turchia.

Priorità. Per rafforzare l’efficacia dell’iniziativa, in termini di concrete opportunità di inserimento lavorativo, ma soprattutto per far sì che il capitale umano formato e rafforzato con il tirocinio possa tornare in Abruzzo e lavorare o intraprendere nella propria terra d’appartenenza, viene data priorità alle aziende localizzate in Abruzzo che abbiano sedi o imprese collegate in uno dei Paesi ammissibili.

Soggetti ospitanti. L’imprenditore che voglia ospitare un giovane presso una sede estera, può rispondere, con pochissimi adempimenti, alla ManifestazioneInteresse_TirociniEuropa. Può farlo fino al 30 novembre 2015. Deve riempire un semplice modulo Soggetto Ospitante Tirocinio Transnazionale

I tempi dell’iniziativa. I tirocini possono iniziare nel 2015 o 2016.