FSE, il Piano Operativo 2016-2018

9 settembre 2016, Commenti: Commenti disabilitati su FSE, il Piano Operativo 2016-2018
Condividi su:

fse-e-giovani-cervelliNel quadro di programmazione strategica delineato con Masterplan per il Sud, Patto per lo Sviluppo e Carta di Pescara, il Piano Operativo Fse Abruzzo 2016-18 indica la direzione che il Fondo Sociale Europeo ha intenzione di percorrere nei prossimi 18-24 mesi. La Giunta regionale, nella seduta dell’11 agosto 2016, ha dato il via libera al Piano operativo Por Fse relativo alla programmazione del triennio 2016-2018, aprendo di fatto la stagione dei bandi e degli avvisi pubblici che interesseranno direttamente i cittadini abruzzesi.

Tornano in primo piano le politiche attive del lavoro rivolte a giovani, donne, over 30 e over 50. Sono previsti interventi di rilancio del sistema dell’Istruzione e Formazione Professionale. Grande attenzione viene data alla semplificazione delle regole di attuazione, alla velocizzazione dei tempi di istruttoria.

Proprio perché il primo, nell’ambito della più ampia programmazione che va fino al 2020, il Piano operativo elaborato dal Dipartimento Lavoro e Sviluppo economico fornisce i tempi di attuazione della parte iniziale dell’ambiziosa programmazione dell’Fse abruzzese, in modo da tracciare un percorso definito sul quale poi si muoverà il resto della programmazione dell’ultimo triennio.

Fino alla fine del 2018 le risorse finanziarie investite superano di poco gli 85 milioni di euro, oltre la metà dell’intera dotazione del Por Fse Abruzzo al quale l’Unione europea ha riconosciuto 142 milioni di finanziamento. Rientrano in questo Piano operativo anche le risorse economiche degli anni 2014 e 2015, per i quali gran parte dei bandi partiti sono arrivati a compimento.

In quest’ottica il Piano operativo è un documento che presenta contenuti politici e tecnici: da una parte illustra la strategia di programma, le principali sfide, gli ambiti di intervento, gli obiettivi e le azioni da realizzare nel triennio indicato; dall’altro dà “nome e cognome” agli interventi indicando tempi e consistenza del finanziamento.

Ma il Piano operativo oltre a soddisfare i quattro Obiettivi tematici che corrispondono agli Assi strategici pone in risalto quelli che vengono chiamati principi orizzontali del Por-Fse, cioè misure che tagliano orizzontalmente tutta la programmazione del Fondo sociale, toccando le competenze più diverse: valorizzazione della aree interne e delle aree strutturalmente più deboli, per le quali il Piano operativo 2016-2018 ha cantierato misure per oltre 14 milioni di euro;  Carta di Pescara e industria sostenibile; integrazione tra fondi e programmi Fse- Fesr, Fears e Piani operativi nazionali; la programmazione degli interventi legata ai dati reali in modo da “correggere il tiro”, se necessario; ed infine l’elemento essenziale della semplificazione amministrativa e della riduzione dei tempi di istruttoria, in ragione del fatto che i bandi Fse si rivolgono ad un pubblico molto vasto che necessita di risposte immediate e affidabili.

Logo FSENello specifico il Piano operativo conta 27 schede di intervento con l’indicazione della tempistica e della rispettiva dotazione finanziaria.

Per approfondire:

il Piano Operativo FSE Abruzzo per il triennio 2016-2018

D.G.R. 528-2016