FSE, dicci la tua

Condividi su:


Dicci la tua. Con il Fondo Sociale Europeo scriviamo il futuro insieme

Yes I CanLa Regione Abruzzo avvia una prima sperimentazione di percorso di partecipazione alle politiche regionali finalizzato alla co-progettazione del Piano Pluriennale di Attuazione 2014-2015-2016, il documento di concreto avvio del POR FSE Abruzzo 2014-2020.  Chiediamo a cittadini, imprese, associazioni, professionisti, portatori di interessi, a chiunque sia interessato di scrivere con noi il futuro del Fondo Sociale Europeo in Abruzzo.

Il nuovo approccio muove dall’idea che per attivare interventi che producano risultati concreti e diano un contributo effettivo all’Abruzzo bisogna cambiare impostazione. Vogliamo passare da una Programmazione “calata dall’alto” all’ascolto dei territori e degli abruzzesi.

La sperimentazione è in linea con uno degli obiettivi del principale documento di programmazione regionale, il DPEFR: arrivare ad una legge regionale abruzzese sulla partecipazione.

Qui puoi leggere un’infografica che ti illustra il percorso di partecipazione. Abbiamo immaginato due fasi per condurre la nostra sperimentazione:

La partecipazione on-line
Promuovere la concreta partecipazione dei cittadini e dei diversi stakeholder ai momenti decisionali rappresenta uno dei più importanti processi innovativi che la Regione intende mettere in campo. Per farlo utilizziamo gli strumenti resi disponibili dalla diffusione di Internet e chiediamo agli interessati di esprimere un contributo di idee riempiendo un semplice modulo on line.

La co-progettazione
È la seconda fase della nostra sperimentazione, quella nella quale coinvolgeremo chi avrà proposto alla Regione le idee più interessanti e cantierabili e sarà, da noi, chiamato via mail a fornire un contributo più approfondito. Un nostro team di lavoro leggerà con attenzione tutti i contributi pervenuti e procederà alla selezione delle idee più interessanti, innovative e concretamente attuabili.


Come funziona la sperimentazione

Apriamo una “finestra di partecipazione” sul nuovo portale regionale www.abruzzolavoro.eu. Nella finestra, a partire dal 29 luglio fino al 30 settembre, puoi proporre la tua idea e offrire il tuo contributo alla costruzione del Piano Pluriennale di Attuazione 2014-2015-2016 del Fondo Sociale Europeo in Abruzzo, sostenuto da 47,3 milioni di euro. regionelogo

Per poter partecipare devi registrarti attraverso i social network disponibili. Una volta registrato puoi accedere alla pagina attraverso la quale inserire la tua idea. In tale pagina, al fine di agevolare/indirizzare la raccolta dei contributi e la loro corretta classificazione per tema, è presente una finestra con menù a tendina in cui sono riportate le principali tipologie di azioni attivabili attraverso il POR.

Selezionata la tipologia d’intervento di tuo interesse, puoi inserire un titolo da attribuire alla tua proposta e successivamente inserire una sintesi della tua idea (in questa prima fase è previsto uno spazio testo di max 1.500 caratteri spazi inclusi). Puoi anche inserire un link che indirizzi a siti in cui è possibile visualizzare iniziative/buone prassi che vuoi portare alla nostra attenzione.

La sperimentazione si basa sul rispetto, sulla collaborazione e sulla cordialità reciproca, favorendo lo spirito di condivisione e il confronto costruttivo delle diverse idee. Non sono ammesse offese personali, né forme di denigrazione nei confronti di idee politiche, religiose, culturali o sociali. I responsabili saranno esclusi permanentemente dalla partecipazione.

ideaAlla chiusura della prima fase della sperimentazione relativa alla partecipazione on-line, diamo un’idea dei contributi pervenuti e pubblichiamo report di sintesi riguardanti gli accessi, le diverse tipologie di azioni selezionati per avere e dare un resoconto circa l’interesse e l’effettiva partecipazione all’iniziativa.

Chiusa la prima fase della sperimentazione, il team di lavoro interno procede alla selezione delle idee più interessanti, con riferimento al contributo che le stesse possono dare alla strategia regionale, e contatta direttamente le persone/soggetti interessati per partecipare alla seconda fase della sperimentazione: la co-progettazione.

Ai soggetti contattati chiediamo di fornire un ulteriore contributo di maggior dettaglio dell’idea proposta al fine di raccogliere elementi più specifici e utili alla stesura del Piano Pluriennale d’Attuazione ed eventualmente di Avvisi pubblici per la selezione degli interventi che saranno previsti dal PPA stesso.

I soggetti contattati hanno 15 giorni di tempo per fornire i propri approfondimenti, trascorsi i quali non saranno più presi in considerazione.

A conclusione della sperimentazione organizziamo un evento pubblico in cui illustriamo i contributi pervenuti e la loro rilevanza ai fini della stesura del PPA. Il Piano viene redatto dalla Regione entro il 2015, alcuni interventi possono essere avviati già nel corso dell’anno.


Registrati Avanti



Cos’è il Fondo Sociale Europeo

È il principale strumento finanziario con il quale l’Unione Europea investe sul capitale umano e promuove opportunità di occupazione. È il Fondo Comunitario che sostiene obiettivi tematici quali: l’occupazione e la mobilità professionale; l’inclusione sociale e la lotta contro la povertà e la discriminazione; l’istruzione e la formazione; il rafforzamento delle capacità istituzionali e amministrative.

La programmazione FSE 2014-2020: opportunità

La Regione Abruzzo, al pari delle altre Regioni italiane, delinea la propria strategia di programmazione delle iniziative finanziate dal Fondo Sociale Europeo in un documento di respiro settennale, il POR (Piano Operativo Regionale). Il POR FSE Abruzzo 2014-2020 è stato approvato con Decisione della Commissione Europea del 17 dicembre 2014.  È sostenuto da poco più di 142,5 milioni di euro.

Gli obiettivi

Il primo obiettivo della strategia regionale è promuovere ed incentivare politiche mirate ad accompagnare il rilancio delle dinamiche occupazionali (Asse 1). La Regione Abruzzo deve raggiungere alcuni gruppi target: inoccupati e disoccupati (con particolare riguardo a quelli di lunga durata), soggetti svantaggiati,  giovani (per i quali c’è anche il Programma Garanzia Giovani), donne, over 55, lavoratori in cassa integrazione e mobilità. Sono previsti anche interventi rivolti alla modernizzazione delle istituzioni del mercato del lavoro, come i servizi per il lavoro pubblici e privati.

Altro obiettivo di primaria importanza è la promozione dell’inclusione sociale (Asse 2), principalmente attraverso politiche di inclusione attiva. La Regione deve contribuire alla creazione di mercati del lavoro realmente inclusivi, in favore di persone in condizione di povertà o di estrema marginalizzazione sociale.

Nel POR Abruzzo sono affrontate anche le politiche regionali dell’istruzione e della formazione professionale (Asse 3). Contribuire ad una efficace risposta alle sfide poste dalla lunga crisi economica tramite lo sviluppo del capitale umano come fattore strategico di competitività del sistema Abruzzo, con una particolare attenzione alle nuove generazioni. Per questo obiettivo ci rsi rivolge a: laureati specializzati, dottori di ricerca e ricercatori, giovani (occupati, disoccupati inoccupati), studenti di istituti universitari, parauniversitari e post universitari, lavoratori, imprenditori.

Il FSE permette inoltre di sviluppare le condizioni per migliorare la performance della pubblica amministrazione (Asse 4) nel suo complesso. In questo caso, le azioni sono indirizzate al personale della PA, a Organismi di formazione e Istituzioni scolastiche autonome; alle Università e Fondazioni ITS; alle Imprese, ai Servizi sociali e socio-sanitari, al partenariato economico e sociale.