Ammortizzatori sociali e decreto 148

18 novembre 2015, Commenti: Commenti disabilitati su Ammortizzatori sociali e decreto 148
Condividi su:

ammortizzatori-socialiIl D Lgs 148-2015, entrato in vigore dal 24 settembre 2015, ha ridefinito le disposizioni relative all’utilizzo degli  ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro. Il decreto è stato seguito dalla Circolare 24 del 05-10-2015.

Sono state inserite  in un unico impianto  normativo tutte le disposizioni relative agli strumenti di tutela in costanza di lavoro: Cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria ivi compresi i contratti di solidarietà.

Tra le principali novità, viene previsto che, per ciascuna unità produttiva, il trattamento ordinario e quello straordinario di integrazione salariale non possano superare la durata massima complessiva di 24 mesi in un quinquennio. Utilizzando i contratti di solidarietà tale limite può essere portato fino a 36 mesi nel quinquennio.

L’art. 1 del decreto dispone che sono destinatari dei trattamenti di integrazione salariale tutti i lavoratori assunti con contratto di lavoro subordinato, compresi gli apprendisti in apprendistato professionalizzante e con l’esclusione dei dirigenti e dei lavoratori a domicilio, con una anzianità di effettivo lavoro di almeno 90 giorni dalla data di presentazione della relativa domanda di concessione.

L’intervento straordinario di integrazione salariale può essere concesso in uno di questi casi;

– riorganizzazione aziendale (che riassorbe le attuali causali di ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale);

– crisi aziendale, ad esclusione, a decorrere dal 1° gennaio 2016, dei casi di cessazione dell’attività produttiva dell’azienda o di un ramo di essa.

– contratto di solidarietà

 

Con riferimento all’art. 24 “Consultazione sindacale”, comma 2), si comunica che le richieste di esame congiunto, relativamente alle causali di “riorganizzazione aziendale” e di “crisi aziendale”, di cui all’art. 21, devono essere inviate al seguente indirizzo:

Regione Abruzzo – Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università – Servizio Lavoro – Ufficio Ammortizzatori Sociali,  Viale Bovio 425, 65100 – Pescara.

 

Si comunica inoltre  che,  con l’entrata in vigore del D.Lgs. del 14 settembre 2015 n.148, i lavoratori assunti con contratto di apprendistato professionalizzante presso aziende rientranti nel campo di applicazione della CIGS e/o della CIGO non hanno più diritto alla CIG in deroga, in quanto l’art.2 del citato D.Lgs. estende i trattamenti ordinari di integrazione salariale (CIGO/CIGS ) alla tipologia del contratto di apprendistato professionalizzante.